L'olio extra vergine di oliva le tipologie della pianta di olivo, la raccolta e la produzione in Valdelsa in Toscana

L'olio extra vergine di oliva nella Valdelsa in Toscana

Se il vino è il re dei prodotti della Toscana, l'olio d'oliva può essere definito il principe. In Toscana, l'olio di oliva è un prodotto tipico che ha origini antichissime, in quanto venne introdotto nel VII secolo, a seguito dei contatti con la Grecia.
Fu nel corso del medioevo che in Toscana, a partire dai territori di Lucca, Firenze e Siena, si ebbe la maggiore diffusione della pianta dell'olivo dando vita ad una successiva commercializzazione favorita dalle importanti vie di comunicazione fluviali e terrestri che attraversavano la Valdelsa e la Toscana .

La coltivazione dell'olivo – così come la coltivazione della vite – ha senza dubbio caratterizzato così profondamente il territorio sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista paesaggistico. Le colline e le campagne della Toscana sono disegnate dai filari delle vigne e punteggiate dagli alberi di olive. Tanto che questo straordinario paesaggio rende la Toscana famosa in tutto il mondo.

In Toscana, secondo una tradizione tramandata di generazione in generazione, l'olio extravergine di oliva è forse il principale elemento della cucina toscana e della valdesa, ed elemento indispensabile per i patti della tradizione dai più semplici ai più ricercati.
Prodotto dalla miscela di alcune varietà di olivo (Moraiolo, Leccino, Frantoio, ecc), l'olio extravergine di Oliva possiede un colore che varia dal giallo oro al verde ha un sapore leggermente piccante e un aroma unico e inconfondibile.

Come nella più antica tradizione contadina, la raccolta delle olive viene fatta a mano col metodo della "brucatura", direttamente sulla pianta. Oggi, il metodo è sostanzialmente invariato, anche se la raccolta avviene con l'ausilio di macchinari che scuotono delicatamente la pianta provocando la caduta dell'oliva senza danneggiarla.

La frangitura avviene nei frantoi col metodo "a freddo", igienicamente e qualitativamente controllato, per garantire la massima qualità.

Oggi in Toscana e in Valdelsa, si possono trovare molte aziende agricole che producono un ottimo olio extra vergine di oliva seguendo un disciplinare ed un piano di controllo, che danno conto dell'area di provenienza, il misto di coltivazioni, la tecnica di raccolta, quella di lavorazione, i requisiti chimici ed organolettici, i risultati d'assaggio, la conservazione, l'imbottigliamento e l'etichettatura. Questi processi di lavorazione così accurati garantiscono un risultato ad altissima qualità.

In tutta la Valdelsa, soprattutto durante la stagione della raccolta e della frangitura delle olive nel mese di Novembre, la passione per questi prodotti è celebrata in numerose feste e sagre in cui si possono degustare i vari tipi di olio prodotti anche in altre zone della Toscana. Non perdetevi l'opportunità di degustare l'olio appena uscito dal frantoio apprezzandone il colore ed il gusto unico su crostini di pane toscano senza sale.

Se avete intenzione di trascorrere una vacanza in Toscana, soffermatevi in un frantoio o in una delle tante aziende agricole presenti nel territorio della Valdelsa magari percorrendo una delle strade del vino, per degustare le varie tipologie di Olio extravergine di Oliva, sulla "bruschetta" di pane toscano accompagnata da un ottimo vino.

a-conoscere_toscana
Le strade dell'olio e del vino
Percorrere le “Strade del Vino” in Toscana significa non soltanto fare una piacevole passeggiata ammirando il caratteristico e stupendo paesaggio della campagna e sostando nelle aziende agricole per assaggiare vini pregiati e ottimi oli di oliva, ma anche viaggiare alla scoperta di piccoli e grandi tesori, artistici e naturali, visitando antichi castelli, fattorie, borghi medievali ed antiche pievi ed ammirare il caratteristico paesaggio che ha reso famosa la Toscana in tutto il mondos.
Continua a leggere >
L'olio di Oliva, tra storia e tradizione
L'olivo selvatico ha tracce preistoriche locali, ma l'olio, diversamente dal vino, è stato introdotto in Toscana da fuori, intorno alla metà del VII secolo a.C. ed essenzialmente per via dei contatti con la Grecia, che già lo usava per l'unzione degli atleti, e a scopo sacro, ma ancora poco in cucina.
Continua a leggere >
a-curiosita_toscana
La Coltivazione dell'olivo in Toscana
La posizione geografica della Toscana, insieme alla Liguria, alle parti più settentrionali dell'Umbria e delle Marche e alle zone costiere dei maggiori laghi del Nord Italia, si trova al limite estremo della zona climatica adatta alla coltivazione della pianta di olivo.
Continua a leggere >