Le fiascaie e il mestiere dell'impagliatura dei fiaschi e delle damigiane in vetro per contenere il vino.

Le fiascaie

In Toscana e in particolare in Valdelsa, l’arte della lavorazione del vetro iniziata nel XIII secolo tra Gambassi Terme e Montaione, rimase a livello artigianale nelle mani di abili maestri vetrai fino ai primi del 1800 quando, sotto la spinta all’agricoltura voluta da Cosimo Ridolfi, si sviluppò una vasta produzione di contenitori in vetro per i principali prodotti provenienti dalla campagna: l’olio e il vino.

Questo portò allo sviluppo dell’industria del vetro nella zona di Empoli – più avvantaggiata rispetto a Montaione e Gambassi, dalle moderne vie  di comunicazione – e alla nascita di nuovi mestieri come l’industria e l’artigianato del vetro e quello delle fiscale.

Uno dei prodotti principali dell'industria vetraria di Empoli, il fiasco rivestito, era strettamente legato al lavoro effettuato dalle fiascaie: donne di tutte le età che realizzavano a mano il rivestimento esterno della bottiglia con fibra di erba palustre essiccata.

Solitamente, il rivestimento esterno era realizzato con la "sala" – un tipo di erba palustre molto diffusa e coltivata nei pressi del Padule di Fucecchio -, mentre all'interno veniva utilizzato il "salicchio".

Il lavoro di queste donne si svolgeva a domicilio – pratica molto diffusa in Toscana fin da medioevo – interessando svariati settori; dalla tessitura, ai ricami, all'impagliatura dei fiaschi, fino alla sartoria.

L'impagliatura dei fiaschi, delle damigiane e di altri oggetti in vetro era molto importante per l'economia locale, in quanto coinvolgeva uomini e donne, a partire dalla coltivazione delle erbe palustri, come la "sala" nei pressi di Fucecchio, fino alle fiascaie che si occupavano dei rivestimenti.

Le fiascaie si alzavano molto presto al mattino per conquistare i primi posti in fila presso le fabbriche del vetro per consegnare i fiaschi impagliati e ritirare quelli nudi, aiutandosi con i famosi carretti da fiaschi.

Nel periodo di maggiore sviluppo, in Toscana, nel territorio di Empoli e nella Valdelsa si contavano circa 4/5000 fiascaie.
Tuttavia tra i primi del 1900 e il secondo dopoguerra, si ebbe un declino del fiasco, dovuto anche all'introduzione sul mercato della bottiglia bordolese, di dimensioni più piccole e quindi più facile da trasportare, ma soprattutto non rivestita, causando la fine del lavoro delle fiascaie.

a-conoscere_toscana
Il Fiasco
In Toscana, alcune testimonianze figurative fanno risalire il fiasco alla metà del XIV secolo, epoca in cui il contenitore in vetro risulta avere diverse misure ed era intrecciato con erba palustre, comunemente chiamata sala.
Continua a leggere >
L'industria del vetro ad Empoli
In Toscana, l'industria vetraria con la sua secolare tradizione artistica e artigianale costituisce una delle attività produttive più antiche di Empoli e nel territorio della Valdelsa.
Continua a leggere >