Bartolomeo Intieri personaggio illustre di Montespertoli studi di teologia e filosofia diventando sacerdote

Bartolomeo Intieri

Bartolomeo Intieri nacque a Montespertoli il 16 gennaio del 1678 da Francesco Intieri e da Cristina Monadi, appartenente quest'ultima, ad una famiglia benestante del paese.

Dopo aver vissuto la prima infanzia a Montespertoli, si trasferì con la propria famiglia a Firenze. Protetto dalla famiglia del marchese Rinuccini fu inviato a Napoli dove compì gli studi basilari e quelli di teologia e filosofia diventando sacerdote.

Persona dotata di grande intelligenza, si dedicò agli studi naturalistici e scientifici al punto che la sua conoscenza e competenza in questi campi, oltre a renderlo famoso, lo fecero punto di riferimento tra uomini di stato e docenti.

Scienziato d fama mondiale e noto in mote università italiane, inglesi, francesi e americane, fu autore di numerose opere e trattati ed inventore di macchinari per l'agricoltura come la famosa "stufa per la conservazione dei grani".

Nel 1754 fondò, presso l'università di Napoli, la "Cattedra di Commercio e Meccanica" la prima in Europa. Morì a Napoli nel 1757.