Baccio da Montelupo scultore personaggio illustre di Montelupo dal nome Bartolomeo Sinibaldi

Baccio da Montelupo

Bartolomeo Sinibaldi detto Baccio da Montelupo nacque a Montelupo in una famiglia di modesta estrazione nel 1469 e morì a Lucca nel 1535.
Lo scultore Baccio da Montelupo, come molti altri artisti della Toscana, si trasferì a Firenze nella scuola di San Marco. Le sue opere erano incentrate su temi religiosi in terracotta e crocefissi. Lavorò a Firenze, Bologna e Lucca e presso alcuni monasteri d'Italia.

Il figlio Raffaello, seguì le orme del padre superandolo, grazie ad una migliore tecnica e per la raffinatezza delle sue opere, sempre dedicate a temi religiosi.

Raffaello collaborò con i più famosi scultori della Toscana come Michelangelo, operando a Firenze nella Chiesa di San Lorenzo, a Roma in Santa Maria del Popolo e nella cappella Turini di Pescia.

La casa di Baccio da Montelupo, dove trascorse la sua giovinezza, si trova sulla parte più elevata del paese di Montelupo.