Funghi

Il clima, caldo e secco in estate e piovoso in autunno e primavera, associato alla forte presenza di bosco di macchia mediterranea, ha favorito da sempre, in Toscana, copiosi raccolte di funghi di ogni specie e tipologia.

Si trovano soprattutto nel periodo che va dalla fine d'agosto, quando la siccità è interrotta dai primi abbondanti temporali, fino a novembre anche se alcune specie particolari si possono trovare fino ai primi giorni di  dicembre.

E’ questo il periodo migliore in cui nei boschi della Toscana e della Valdelsa si possono incontrare gruppi di cercatori di funghi che con bastone e cestino vanno alla caccia dei funghi più grossi e preziosi.

Secondo la tradizione contadina della Toscana i funghi vengono spesso conservati secchi o sott’olio in base alla varietà, e spesso utilizzati in ricette che ancora oggi si possono assaggiare nei ristoranti della Valdelsa.

Tra le specialità della cucina Toscana preparate a base di funghi di cui sono specializzate anche le trattorie della Valdelsa si devono ricordare i risotti, taglierini di pasta fresca conditi con funghi porcini e la famosa bistecca alla fiorentina che si accompagna benissimo con funghi arrostiti. Ma possono essere anche  fritti, in umido e spesso conditi con l’immancabile olio extravergine di oliva ed il prezzemolo.