Chiesa di San Regolo

sanregolo
Chiesa di San Regolo
La Chiesa di San Regolo si affaccia su Piazza delle Repubblica nel centro storico del paese di Montaione. Un tempo era dedicata a San Bartolomeo, e fu qui che nel 1369 venne deliberato l'atto con cui Montaione, alla fine di intense lotte, si sottomise a Firenze.

Nel 1816, la chiesa venne dedicata a San Regolo prendendo il nome dall'antica Pieve di San Regolo situata a circa un chilometro da Montaione. Dell'antica Pieve di San Regolo oggi rimangono solo alcuni resti.

campanile
Chiesa di San Regolo
La Chiesa di San Regolo nel corso del tempo ha subito diversi interventi di ristrutturazione e ampliamenti.
Al suo esterno, la facciata si presenta con due contrafforti del 1765, con il campanile – anticamente la torre dell'orologio del comune – che venne realizzato nel 1795. Sempre in facciata, una lapide ricorda la sepoltura del medico e studioso di agricoltura Francesco Chiarenti.

L'interno, si presenta secondo il rifacimento finanziato da Scipione Ammirato il Giovane nel 1635 custodisce uno splendido Crocifisso in legno policromo del XIII secolo, e un dipinto che raffigura la "Madonna del Buon Consiglio" attribuito alla scuola del Cimabue del XIII secolo.

campanilesanregolo
Chiesa di San Regolo
Nelle due cappelle a lato della Chiesa, si trova un dipinto della "Vergine in Trono tra San Regolo e San Giovanni Battista" di Francesco Rosselli e un quadro con "Tobia e l'Angelo". Sull'altare si trova la "Madonna dei Sette Dolori" che viene portata in recessione il Venerdì Santo.

All'interno della Chiesa, sotto l'altare è sepolto Scipione Ammirato il Giovane, che viene anche ricordato nella lapide all'esterno della Chiesa.
Il 1° Settembre si celebra la festa di San Regolo.