Via Francigena a Gambassi

Il territorio di Gambassi, nel periodo medievale era attraversato da una serie di strade e itinerari che facevano parte della Via Francigena o Romea, che in questo tratto attraversava la Toscana .

Le importanti vie di comunicazione che attraversano la Toscana sono state determinanti per la crescita di tutto il territorio e per lo sviluppo degli scambi commerciali.

L'itinerario più famoso del territorio di Gambassi, fu quello ricordato in un documento dall'Arcivescovo Sigerio di Canterbury, che ritornando da Roma descrisse la Pieve di Santa Maria a Chianni come tappa, tra San Gimignano e Coiano (riferendosi tuttavia all'edificio che si trovava al posto di quello attuale romanico del XII secolo).

Degli antichi percorsi e delle tappe della Via Francigena che attraversavano la Toscana nei pressi di Gambassi, restano visibile dei tratti di selciato nei pressi della località Lucano.

Un altro itinerario importante proveniva da San Gimignano e passava per Montecarulli, attraversava quindi il torrente dei Casciani per risalire verso Gavignalla e poi per Gambassi o per Varna.

Dalla Via Francigena si aprono molteplici diramazioni su cui si trovano molte chiese tra cui la Chiesa di San Lorenzo a Lucano, la Chiesa di Santo Stefano a Gambassi e la più nota Pieve di Santa Maria a Chianni.

Per dare ricovero ai viandanti, lungo queste strade sorgevano poi ospedali come l' Hospedale pauperum et transeuntium egenorum nei pressi di Catignano nel 1280 e l' Hospedale pauperum di Gambassi nel 1285.