Giovanni Boccaccio

giovanniboccaccio
Via Boccaccio
Giovanni Boccaccio nacque in Toscana, a Certaldo tra il giugno e luglio 1313. Figlio del mercante Beccaccino di Chellino, è considerato insieme a Dante e Petrarca illustre rappresentante ed iniziatore della letteratura Italiana.

Nel 1327 venne mandato a far pratica bancaria nella succursale di Napoli del Banco dei Bardi, la compagnia fiorentina che deteneva il monopolio delle imprese finanziarie del Regno di Roberto d'Angiò.

Nonostante le lezioni di pratica bancaria del famoso maestro di diritto Cino da Pistoia, Giovanni Boccaccio era sempre più interessato alla letteratura classica, e per tale ragione raffinò i suoi studi presso lo Studium di Napoli, punto di incontro tra la cultura italo-francese e quella arabo-bizantina.
Ciò lo mise in contatto con poeti, letterati, scienziati e artisti – tra cui Giotto – provenienti da tutto il mondo, artisti che arricchirono di arte e cultura la Toscana.

giovanniboccaccio_1
Via Boccaccio
La prima opera letteraria del Boccaccio è quella ispirata all'amore per Maria d'Aquino, la figlia illegittima del re Roberto d'Angiò, con le "Rime", la "Caccia di Diana", "Il Filostrato", "Il Filologo" e "Il Teseida".

Dopo aver trascorso parte della sua vita a Ravenna e a Forlì, ritornò in Toscana a Firenze dove visse il dramma della peste (causa della morte del padre), raccontata anche nella sua opera più importante il "Decameron" scritto tra il 1349 e il 1351.

In seguito ad un periodo dedicato alla meditazione e alla spiritualità, ricevette gli ordini minori e nel 1360 ottenne dal Papa Innocenzo VI l'autorizzazione ad occuparsi dei fedeli.

Dopo il suo rientro a Certaldo nella casa del padre – oggi Casa del Boccaccio – creò con Filippo Villani, Luigi Marsili e Coluccio Salutati un centro di cultura umanistica.

Ritornò a Napoli nel 1362 e poi ancora nel 1370 nella speranza di trovare una decorosa sistemazione, ma deluso ed amareggiato, anche a causa delle difficoltà economiche, rientrò a Certaldo dove morì il 21 dicembre del 1375, un anno e mezzo dopo il suo amico Petrarca.